lunedì 22 febbraio 2016

Non Solo Cartoni - Umberto Eco (1932-2016)

Di solito non è mia abitudine fare post commemorativi su eventi importanti o sulla morte di persone famose, però in questo caso è una persona famosa inerente al mio blog. E cosa c'entra Umberto Eco con i cartoni? Dire niente è sbagliato, dato che fu lui a spiegare la filosofia di Charlie Brown, Linus e Snoopy al pubblico italiano degli anni '60, ma in questo caso (nel mio caso), fu proprio un libro di Umberto Eco a farmi inaugurare la rubrica Non Solo Cartoni.
Perciò con il post odierno vi ripropongo la recensione che feci nell'ottobre 2012 (avevo 18 anni, perdonate se sono presenti i miei ultimi residui di bimbominkiaggine) del suo libro più famoso, Il nome della rosa: CLICCATE QUI PER LEGGERE LA RECENSIONE

Anche se devo ammettere di non conoscere benissimo l'intero operato di Eco, gli sono molto grata per aver scritto un libro appassionante, complicato e stimolante allo stesso tempo. Ed è anche uno dei primi intellettuali italiani ad aver rispettato e valorizzato i fumetti, cosa volere di più dalla vita?
Grazie ancora per tutto,
Umberto Eco! 

 

 

6 commenti:

  1. Ho avuto l'occasione di assistere ad una conferenza di Umberto Eco su San Tommaso d'Aquino.
    Nonostante mi sia sempre interessato a lui, non sono mai riuscito a capirlo al 100%. Era di un altro livello. Davvero superiore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di leggere il Nome della Rosa allora, è un calderone di generi diversi. Io Eco dal vivo non l'ho mai visto, però mi è dispiaciuto che sia morto così presto, la gente di solito arriva ormai ai 90 anni. Ti ricordi su cosa parlava a grandi linee Eco nella conferenza? Ti confesso...devo ancora leggere i suoi scritti sui fumetti, so solo che Eco disse che Charlie Brown era un grande e qualcuno lo insultò per quest'affermazione. Eco allora rispose "grazie per il complimento!" :D
      Petralia Alaskana

      Elimina
  2. In prima superiore ero andato a una sua conferenza e mi ero fatto autografare "Il nome della rosa" e "Baudolino", dopo averlo inseguito nell'uscita di emergenza XD
    Mi metto a leggere la vecchia recensione, anche se a scorgere i titoli "Twilight" e "New Moon" mi sa che ti costringerò a rileggere il tomo di Eco sui ceci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho mai incontrato, purtroppo :( Forse era venuto nella mia città per il festival dei libri, ma non ne sono troppo sicura.
      Quando ho letto Twilight e New Moon avevo 14 anni e andava di moda leggerli...forse adesso li riterrei stupidi, però ti confesso che Breaking Dawn non riuscii a terminarlo, era scorrevole, ma troppo scontato con l'happy ending.
      Se riesco a procurarmi Baudolino o Il pendolo di Foucault me li leggo volentieri ;)
      Petralia Alaskana

      Elimina
  3. Ciao! Io ho visto solo alcuni pezzi del film "Il nome della rosa", non ho letto il libro, ma da quanto scrivi deve essere un classico avvincente e poi amo i gialli misteriosi! Grazie per il consiglio! A proposito di Twilight, anch'io avevo circa la tua età, 13 anni, quando l'ho letto. Il resto della saga l'ho guardato in tv e in dvd! Io compio 20 anni a marzo e mi sono diplomata a luglio dell'anno scorso, tu devi avere più o meno la mia età, non lo sapevo! Buona domenica!❤

    RispondiElimina
  4. PS: PASSA DA ME SE VUOI, HO SCRITTO UN POST SU UN MANGA!😊

    RispondiElimina